Saggezza vuol dire mantenere una mente vuota.

Se credi di sapere più di qualcuno altro, se credi che conoscere sia solo mettere nella zucca informazioni questa storia fa per te.

Carissimi oggi vi voglio parlare di una storia che amo. Essa è una di quelle storie che mi piace richiamare nella mente durante il mio Seizai ( pratica meditativa Zen ).
Un professore di filosofia andò da Nan In, un Maestro Zen, e lo interrogò su Dio, sul nirvana, sulla meditazione e su molte altre cose. Il Maestro lo ascoltò in silenzio – domande su domande su domande – alla fine disse: “Mi sembri stanco. Hai scalato questa montagna, arrivi da lontano. Prima di tutto, lascia che ti serva una tazza di tè”. E si mise a prepararlo.

Il professore attese – ribolliva di domande. E mentre preparava il tè e il samovar cantava e l’aroma del tè iniziava a diffondersi nell’aria, il Maestro disse al professore: “Aspetta, non avere tanta fretta. Chissà, perfino bevendo un tè, puoi ricevere una risposta alle tue domande… e forse, anche prima di allora”.
Il professore si sentì perso. Iniziò a pensare: “Tutto il mio viaggio è stato uno spreco. Quest’uomo sembra pazzo. Come può il mio interrogativo su Dio ricevere una risposta, bevendo un tè? Che senso ha? È meglio andarsene il prima possibile”. D’altra parte, si sentiva stanco e forse era meglio bere una tazza di tè, prima di ridiscendere da quella montagna.

Il Maestro portò la teiera, iniziò a versare il tè nella tazza… e continuò a versarlo. La tazza era ormai colma, e il tè iniziò a straripare nel piattino, ma lui continuò a versare. Alla fine anche il piattino fu colmo. Una goccia in più e il tè avrebbe iniziato a scorrere sul pavimento, per cui il professore esclamò: “Fermati! Cosa stai facendo? Sei pazzo forse? Non vedi che la tazza è piena? Non vedi che anche il piattino è stracolmo?”
Allora il Maestro Zen disse: “Questa è esattamente la situazione in cui ti trovi: la tua mente è così piena di domande che, anche se ti rispondessi, non avresti spazio alcuno per assimilare la mia risposta. Ma mi sembri un uomo intelligente: hai potuto vedere che né la tazza né il piattino potrebbero contenere una sola goccia di tè in più: traboccherebbe sul pavimento. Ebbene, voglio dirti che da quando sei entrato qui dentro, le tue domande hanno invaso ogni angolo. Questa piccola capanna trabocca delle tue domande! Torna indietro, svuota la tua tazza e poi ritorna. Prima di tutto crea un po’ di spazio dentro di te”.Se credi di conoscere tutto, non c’è spazio per altro.

DR. ELTON KAZANXHI

Psicologo Traumaterapista Coach

Riceve a (Jesi Ancona e Tirana)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: